03.jpg

Prodotto dal vitigno autoctono dell'isola di Veglia, lo žlahtina bianco, nella località di Supela, a poca distanza dalla famosa chiesetta di Santa Lucia (Lapide di Bescanuova). Data la posizione da cui proviene, ci colpirà con il suo colore giallo-verde o verde-oro, dai toni più profondi. Gli aromi ricordano le mele cotogne, le pesche, gli agrumi, la rosa... Il gioco tra acidi e zuccheri rappresenta la sua eleganza e la sua grandezza.

L'accento è posto sulla mineralità, con un bel finale che, arricchito con ananas e uva matura, gli conferisce una raffinata dolcezza, donando un piacere prolungato al palato di chi lo gusta. Consigliato con tutti i pasti a base di carne bianca, pesce, pasta e riso con frutti di mare, nonché con il brodetto con la polenta e il famoso agnello di Veglia.